TANGO DEL MARE

 

 

 

Mare, perché

Questa notte m'inviti a sognar,

Mentre soffro e non so più scordar

Il mio perduto amor.

 

Dimmi cosè

Questa musica strana che tu,

Dolcemente sussurri quaggiù

E fai più triste il cuor.

 

Dal cielo scende su te

Come un manto d'argento,

E in questo incanto

Tristezza e pianto, tremano in me.

 

Forse sarà la musica del mare

Che nell'attesa fa tremare il cuore,

Torna ogni vela e tu non vuoi tornare

Che lacrime amare, versare fai tu.

 

Mare, sei tu

Che una sera portasti al mio cuor,

In un sogno di nuvole dor

Che mai non scorderò.

 

Corri laggiù

La sua sponda ritorna a baciar,

Se un istante la fai ritornar

La vita mia darò.

 

Ma l'onda corre e non sa

Questa voce che implora,

Sulla scogliera lucente e nera

Mormora e va.

 

Vorrei scordarti

E non ti so scordare,

Può dirtelo il mare

Che soffro per te.

 

Letra : NISA  (Nicola Salerno)

Música : Gino Redi

 

Grabado por Oscar Carboni con el acompañamiento de la orquesta “Cetra”, Dir.: Pippo Barzizza. (1940)

 

http://www.youtube.com/watch?v=A00Vng_RsAo

 

 

(colaboración enviada (letra y grabación) desde Alemania por el amigo “Diego de Tenerife” (Dietmar Willmeroth). 08-2012)

 

 

 

AtrásMenú Principal